I 7 CONSIGLI PER UNA PASQUA SOSTENIBILE

Via della Croce Rossa, 42
35129 - PADOVA
049 2323355
info@desamo.it
Benvenuti in Risparmio Energia Italia
logo risparmio energia
Vai ai contenuti

I 7 CONSIGLI PER UNA PASQUA SOSTENIBILE

Risparmio Energia Italia
Pubblicato da Risparmio Energia in Eco Abitudini · 15 Aprile 2022
Tags: pasquazerosprechi
Ecco i 7 consigli del WWF per una Pasqua sostenibile, più i nostri!
 
1. Decorazioni Fai-da-te

Non c’è bisogno di acquistare troppe decorazioni, possiamo crearne alcune con uova dipinte, nastri, fiori di carta e altri materiali di riciclo. Se non abbiamo i colori per dipingere le nostre uova, ricordiamoci che si possono realizzare anche con cibi e spezie: la curcuma per tingere di giallo, la paprika per l’arancione, le rape rosse per il fucsia, il caffè per il marrone, gli spinaci per il verde, il vino rosso per il viola.
 

Il consiglio di Risparmio Energia: coinvolgete i bambini nella creazione delle decorazioni! Anche se il risultato non sarà perfetto sarà comunque un’occasione per stare insieme e divertirsi!

2. Prodotti a km zero e di stagione
 

Scegliere prodotti a chilometro zero, locali e di stagione non aiuta solo l’economia locale, messa a dura prova dalla situazione attuale, ma anche l’ambiente, perché contribuisce a ridurre l’impatto delle produzioni fuori stagione e del trasporto, che spesso gravano anche sul portafoglio. A questo si affianca l’importanza dal punto di vista nutrizionale. La natura, infatti, fa crescere gli alimenti in periodi specifici per sopperire a carenze che dobbiamo affrontare mese dopo mese. Nel periodo di Pasqua, per esempio, via libera agli asparagi ricchi di vitamine e antiossidanti, agretti e fave.

 
Il nostro consiglio: dopo aver decorato tante uova sarebbe proprio uno spreco non mangiarle. Sono troppe? Niente paura! La ricetta salva pranzo è la classica “Uova ripiene con il tonno”.

 
3. Fare la spesa in modo consapevole


Mai come oggi è importante fare la spesa in modo consapevole, non solo evitando imballaggi inutili e acquisti eccessivi, ma anche con lista alla mano per acquistare solo il necessario, ridurre gli sprechi e i viaggi verso il supermercato. Infine, è importante prestare molta attenzione alle date di scadenza, così da non acquistare cibi che deperiranno prima del loro effettivo utilizzo ma soprattutto portiamo in tavola pasquale tanti prodotti sfusi e freschi, dalla frutta e verdura ai latticini, passando per le uova.

 
Il nostro consiglio: prima di fare la spesa controlla quello che hai già in dispensa, in modo da non comprare cose che hai già. Un buon consiglio? Non andare a fare la spesa quando hai fame!

 
4. E per le uova di Pasqua?

Per Pasqua è importante acquistare cioccolato con la garanzia che non provenga da coltivazioni legate a pratiche di deforestazione: scegliamo se possibile la certificazione biologica per il cioccolato o certificazioni che attestino il rispetto di criteri di sostenibilità ambientale e sociale quali ad esempio
Rainforest Alliance, o Fairtrade. Per fare del buon cioccolato occorre un buon cacao. E un cacao è davvero buono se viene prodotto nel rispetto della natura, della biodiversità, dei lavoratori e della salute di tutti.

 
Il nostro consiglio: anche se i tuoi figli sono ormai grandi regalagli comunque un bell’uovo di cioccolato. L’emozione di tornare bambini non ha prezzo!

 
 
5. Congelare o riutilizzare in modo creativo il cibo avanzato


Congelare gli alimenti in freezer è un metodo comodo e semplice per mantenere più a lungo in buono stato molto alimenti, evitando sprechi. Il congelamento è fondamentale, quando, ad esempio, vogliamo conservare prodotti stagionali (come i funghi) per averli a disposizione anche nei mesi in cui non sono di stagione, oppure quando si vuole fare scorta. Per congelare utilizziamo quanto più possibile contenitori riutilizzabili (idonei al contatto con alimenti e all’uso nel freezer) invece di sacchetti, fogli e pellicole monouso. Ricordiamoci di appuntare la data e il contenuto dei nostri contenitori in modo da avere una visione delle scorte. Se abbiamo tanti avanzi e il congelatore pieno, allora via libera alla creatività: una torta salata come la classica pasqualina, per esempio, può essere tagliata a cubetti, riscaldata e riproposta come aperitivo durante il pranzo di Pasquetta.

 
Il nostro consiglio: vale per tutto l’anno… ricordati di restituire SEMPRE i contenitori alla mamma o alla suocera, anche se al momento non li consideri importanti, fidati di noi, un giorno capirai anche tu l’importanza di un buon tupper!

 
6. Imparare a leggere le etichette per evitare sprechi


Lo spreco alimentare oltre a essere insostenibile dal punto di vista ambientale, rappresenta una perdita economica per le famiglie. Eppure tutto questo dispendio può essere ridotto drasticamente imparando a riconoscere la differenza tra la data di scadenza – “Consumare entro” e quindi non oltre quella data perché può essere rischioso per la salute e “Da consumare preferibilmente entro”, che significa quel cibo sarà sicuro da consumare anche dopo la data che figura in etichetta (a patto che la confezione sia integra), ma potrebbe non essere nelle condizioni ottimali. Ad esempio il sapore e la consistenza potrebbero non essere dei migliori. Oltre alle scadenze c’è anche da ricordarsi quanto sia importante la buona conservazione degli alimenti: insomma, se li conserviamo bene ci daranno tutto il tempo di venir consumati.

 
Il nostro consiglio: non riempire la dispensa di prodotti uguali perché c’era l’offerta 3x2 al supermercato, rischi di ritrovarti prodotti scaduti. Inoltre, in futuro potrebbe venirti voglia di cambiare gusto, ma sarai costretto a consumare quello che hai già in casa!

 
7. Dove lo butto?


Spesso lo smaltimento di oggetti e prodotti tipici delle feste può essere complicato o sconosciuto. Ad esempio: non tutti sanno che per gli imballaggi della colomba la scatola esterna va nella carta, il sacchetto interno in plastica trasparente nella plastica, mentre lo stampo di cottura se ha residui di cibo ed è compostabile va nell’organico. Se ha residui di cibo e non è compostabile va nell’indifferenziato. Lì vanno anche le candele consumate, i gusci di cozze e vongole (a meno che nel vostro comune non sia diversamente indicato), le carte lucide o argentate delle uova di Pasqua, i tovaglioli di carta colorati e i tappi di finto sughero di vini e spumanti.

 
Il nostro consiglio: se a Pasquetta hai in programma di fare un picnic in campagna o al mare portati via più sacchetti per fare subito la raccolta differenziata, così non dovrai pensarci quando tornerai a casa a fine giornata!


[Fonte: https://www.wwf.it/area-stampa/i-7-consigli-wwf-per-una-pasqua-sostenibile/]



Via della Croce Rossa, 42
35129 - PADOVA
049 2323355
info@desamo.it

Risparmio Energia è un marchio di DESAMO srl   |   P.IVA 04803340282   |   Numero REA PD - 419647
Abbassare i Consumi
Fotovoltaico
Pompa di Calore
Accumulo Energetico
Stazione di Ricarica
F.A.Q. Blog e News
Blog Risparmio Energetico
F.A.Q. Luce e Gas
Come Abbassare le Bollette
Detrazioni Fiscali


newsletter
LUN-VEN 9:30 - 19:00
SAB-DOM chiuso
Condizioni Legali
Torna ai contenuti