Blog - Risparmio Energia Italia

Benvenuti in Risparmio Energia Italia
Via della Croce Rossa, 42
35129 - PADOVA
+39 0498072236
info@risparmioenergiaitalia.it

IL RISPARMIO ENERGETICO A 360°
area riservata re
blog risparmio energia
blog risparmio energia

IL RISPARMIO ENERGETICO A 360°
Vai ai contenuti
Unisciti alla nostra Newsletter e resta aggiornato con noi nel mondo delle ENERGIE RINNOVABILI.
newsletter

KEY ENERGY 2019: LE NOSTRE CONSIDERAZIONI

Risparmio Energia Italia
Pubblicato da in Energie Rinnovabili · 18 Novembre 2019
Tags: keyenergyecomondoriciclorifiuti
KEY ENERGY 2019: LE NOSTRE CONSIDERAZIONI

Venerdì 8 novembre si sono chiuse le fiere Ecomondo e Key Energy, le due manifestazioni di riferimento in Europa per l’innovazione tecnologica ed industriale soprattutto in chiave green. Quest’anno si è registrata una crescita del 24%, rispetto al 2018, in termini di partecipazione.



 
“Questa è la fiera più importante al mondo per la green economy e nel nostro Paese ci sono le eccellenze tecnologiche utili a modificare comportamenti e processi” dichiara il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa all’apertura delle manifestazioni a Rimini.


 
Questi argomenti sono di fondamentale importanza ormai da tempo e sottolineano anche un bisogno sempre più impellente: salvare il nostro pianeta perché, ad oggi, non ne esiste uno di riserva. Alessandro Marangoni, Althesys, afferma che l’Italia rischia una crisi energetica se non investe in impianti moderni, efficienti e a basso impatto ambientale: più elettricità da fonti rinnovabili come vento, acqua, sole e biomasse. Per questi investimenti è urgente un progetto forte di politica energetica che aiuti l’uscita dal carbone, prevista entro 6 anni con la chiusura delle centrali.

Noi di Risparmio Energia abbiamo trovato con piacere molti dei nostri partner: LG in primis, Fronius, SolarEdge, Huawei e molti altri... Abbiamo inoltre riscontrato una grandissima partecipazione, non solo di professionisti del settore, ma anche di moltissimi studenti di scuole superiori. La partecipazione di questi indica una maggiore consapevolezza delle istituzioni scolastiche verso un cambiamento indirizzato alla green-energy e green-economy. D’altronde, il futuro è nelle mani dei giovani.



 



Grande rilevanza ha avuto ad Ecomondo, il tema dello smaltimento dei rifiuti, un tema molto “caldo” e come non mai, attuale.


 
Secondo l’ultimo rapporto dell’International Solid Waste Association (l’associazione mondiale che riunisce gli operatori del settore trattamento e smaltimento rifiuti) attualmente nel mondo vengono prodotti circa 4 miliardi di tonnellate di immondizia ogni anno. La metà è rappresentata da rifiuti prodotti dalle famiglie mentre l’atra metà da attività industriali e produttive. Nel giro dei prossimi 10-15 anni si potrebbe arrivare ad una crescita di produzione del 50%, quindi oltre 6 miliardi di tonnellate di spazzatura. Circa la metà della popolazione mondiale non ha accesso ai più elementari servizi di gestione rifiuti e ciò comporta ogni anno la creazione di montagne di scarti: prodotti ed abbandonati. Ovviamente i danni ambientali che ne conseguono sono spesso irreparabili. I rifiuti solidi urbani rappresentano il 12% delle emissioni mondiali di metano e il 5% della produzione di gas serra.

Il riciclo non è però ancora la prassi nei nostri Paesi, che molte volte decidono di sbarazzarsi dei materiali non riciclati gettandoli in altri Paesi. Lontano dagli occhi, lontano dal cuore?



I continenti meno industrializzati diventano così le discariche del mondo “civilizzato” (e aggiungo molto di proposito le virgolette); l’Africa solo nel 2009 ha accolto 220mila tonnellate di rifiuti elettrici ed elettronici dall’Europa. Neanche da dire che in questo modo la via dello smaltimento illegale diventa una delle più battute, in tutto il mondo.

Nel nostro Paese ogni anno vengono sequestrati milioni di tonnellate di spazzatura che sono gestiti illegalmente da gruppi mafiosi. Il problema è, però, molto complesso perché se è vero che la soluzione è riciclare, da sola non basta. Intanto bisognerebbe che si riciclasse tutti e tutto. In Italia invece (tra l’latro uno dei Paesi più virtuosi da questo punto di vista) si riciclano solo il 50% dei rifiuti e molte volte anche male. Vi è poi un altro serio problema: si ricicla troppo!

È paradossale ma i materiali derivati dal riciclo hanno sempre meno spazio sul mercato. La famosissima catena H&M ha deciso di produrre vestiti con materiale riciclato, e questo è un bellissimo esempio di come bisognerebbe che il mondo e la società del consumo si muovesse.
 
Siamo circondati da spazzatura, e al posto di raccoglierla decidiamo di nasconderla sotto il tappeto… Forse un giorno capiremo che per vivere bene la nostra casa deve essere pulita e salubre.

“A volte bisogna che ci manchi l'aria per farci ricordare che non siamo morti
e che c'è ancora qualche vita da vivere.”

Ti è piaciuto il nostro articolo? Seguici sui nostri canali ;)

      


Scorri per vedere più foto dalla fiera!




Via della Croce Rossa, 42
35129 - PADOVA
+39 0498072236
info@risparmioenergiaitalia.it
LUN-VEN 9:30 - 19:00
SAB-DOM chiuso
Risparmio Energia è un marchio di DESAMO srl   |   P.IVA 04803340282   |   Numero REA PD - 419647
Designed by FLAN
Abbassare i Consumi
Fotovoltaico
Pompa di Calore
Accumulo Energetico
Stazione di Ricarica
F.A.Q. Blog e News
Blog Risparmio Energetico
F.A.Q. Luce e Gas
Come Abbassare le Bollette
Detrazioni Fiscali
Condizioni Legali
Cookie
Privacy Policy
Condizioni di
uso del Servizio

IL RISPARMIO ENERGETICO A 360°
newsletter
Torna ai contenuti